Per celebrare la Giornata Internazionale del Cane, Ford ha pensato di far provare agli amici a quattro zampe una rapida toeletta “sulle quattro ruote”. Protagonista di questa particolare sfida con la praticità e la versatilità è stata la nuova Puma. L’inedito crossover americano, infatti, gode di un bagagliaio che sotto al pavimento “nasconde” una Mega Box da 80 litri di volume utile: si tratta di un vano portaoggetti impermeabile che, provvisto anche di un tappo di scarico, permette di fare un veloce bagno all’amico Fido; proprio l’impermeabilità e la presenza dello scarico rendono la vasca molto pratica anche da tenere in ordine. Una soluzione ideale per far salire di nuovo in auto pulito e profumato il proprio cane, magari dopo aver affrontato una lunga giornata di trekking in montagna, tra fanghiglia e fili d’erba sparsi ovunque sul suo manto.

Inoltre la Mega Box, il pozzetto con cui il bagagliaio della nuova Puma raggiunge i 456 litri totali di capacità, ha uno spazio verticale di 267 mm che consente anche il trasporto di oggetti più delicati e che hanno bisogno di una stabilità maggiore durante il trasporto, come ad esempio le piante oppure strumenti di vario genere (sportivi, musicali). Anziché abbassare i sedili e ingombrare eccessivamente l’abitacolo, basterà alzare il piano di carico e sistemare tutto nella “vasca”.

La nuova generazione di Puma arriverà sul mercato alla fine del 2019: ben poco a che vedere con la piccola coupè sportiva commercializzata fino a 17 anni fa dalla casa dell’Ovale Blu. La nuova anima di Puma sarà infatti anche mild-hybrid, nel corpo questa volta un po’ più ingombrante di una sport utility.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Volkswagen, morto l’ex ad Ferdinand Piech. Il grande vecchio dell’auto tedesca

prev
Articolo Successivo

Auto, la metà delle vetture in circolazione in Italia è di media cilindrata

next