Il cinema italiano fa schifo. Dov’è oggi? Non c’è”. A dirlo è il regista Pupi Avati fuori dalla chiesa degli Artisti a Piazza del Popolo, al termine dei funerali dell’attore Carlo Delle Piane, morto a Roma a 83 anni. “Per me è stato fondamentale. A un certo punto mi telefonò Fellini e mi disse: ‘Non possiamo chiamarlo perché è troppo vostro‘”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genitori quasi perfetti, tra Carnage e Perfetti sconosciuti, una commedia grottesca (e gender fluid) su genitori e figli tutta da ridere

next
Articolo Successivo

Venezia 76, le coppie, gli scandali e le rivalità: quando il vero spettacolo è sul red carpet

next