Fare errori di battitura o di ortografia nei messaggi di posta elettronica è piuttosto comune, ma questo non esenta da brutte figure con i propri interlocutori. Presto gli utenti G-Suite potranno risparmiarsi la figuraccia, perché la versione della suite di produttività ad abbonamento di Google disporrà di una Intelligenza Artificiale basata all’apprendimento profondo. Il suo compito sarà uno solo: evidenziare gli errori di ortografia sottolineando i termini errati con una linea rossa, e quelli grammaticali con una linea blu. ‎

L’identificazione degli errori avverrà in tempo reale durante la digitazione. L’Intelligenza Artificiale provvederà a correggere automaticamente gli strafalcioni più comuni, come ad esempio la mancanza delle lettere doppie. Il sistema inoltre identificherà altri errori ortografici meno comuni, o dei quali non può essere sicura, e anche gli errori grammaticali, segnalandoli.

Cliccando sulle parole evidenziate si riceverà un suggerimento di correzione: per accettarlo basterà selezionarlo, altrimenti si potrà modificare il testo a piacimento. Le parole corrette, inoltre, resteranno evidenziate per un breve lasso di tempo, dando così modo all’utente di annullare la modifica qualora non lo convincesse.

Da notare che le nuove opzioni saranno attive per default, al contrario di quelle attuali che devono attivate manualmente. Chi non le gradisse può disabilitarle individualmente dalle impostazioni. Ad esempio, si potrà rinunciare alle correzioni automatiche mantenendo solo i suggerimenti. Le nuove funzionalità arriveranno in G Suite a partire dalle prossime settimane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xiaomi Mi 9T Pro, lo smartphone da 450 euro con molti pregi e pochi difetti

prev
Articolo Successivo

Cambiare lo smartphone? Il 55% degli utenti usa lo stesso prodotto per 3-5 anni

next