Apple ha annunciato ufficialmente l’acquisizione di buona parte della divisione modem di Intel per 1 miliardo di dollari. Si tratta di un passo importante di Apple verso la disponibilità dei chip 5G per smartphone. I modem integrati collegano dispositivi come l’iPhone alle reti wireless, Apple finora ha fatto affidamento su fornitori esterni per questi componenti, ed era in ritardo rispetto alla concorrenza con il passaggio alla 5G. Di recente l’azienda di Cupertino aveva siglato un accordo di collaborazione quinquennale con Qualcomm proprio per la fornitura di modem 5G per smartphone, e quasi contestualmente Intel aveva annunciato la propria fuoriuscita dal mercato dei modem 5G per smartphone.

In base all’accordo, circa 2.200 dipendenti di Intel si uniranno ad Apple, che incasserà anche proprietà intellettuali, attrezzature e contratti di locazione. Oltre al suo portafoglio esistente, l’azienda di Tim Cook avrà nel cassetto 17.000 brevetti per le tecnologie wireless, che spaziano dagli standard di comunicazione cellulare ai modem, rendendola di fatto una delle aziende più potenti nelle contrattazioni sulle licenze globali che probabilmente avranno luogo tra i principali detentori di brevetti 5G, come ad esempio Samsung e Huawei che sono già in grado di creare soluzioni proprietarie. Intel continuerà a mantenere il diritto di sviluppare modem per applicazioni diverse dagli smartphone come PC, apparecchiature industriali e auto a guida autonoma.

Immagine: Depositphotos

 

A seguito dell’annuncio le azioni Intel sono aumentate del 5,7% e adesso hanno un valore di mercato di 55,05 dollari. Anche gli investitori di Apple hanno accolto la notizia positivamente: il titolo ha guadagnato lo 0,1% e ora è scambiato a 207,29 dollari ad azione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

In futuro il menu Start di Windows 10 potrebbe essere senza mattonelle

prev
Articolo Successivo

Problemi di turbolenza di pale eoliche e motori risolti grazie ai supercomputer e ai processori per videogiochi

next