Mi ha costretto a mostrare il mio pene a tutti…Trattato come una prostituta ed esposto di fronte ai suoi amici…”. È questa l’accusa lanciata da Josh Kloss, modello e ballerino protagonista del videoclip del brano “Teenage Dream” del 2010, nei confronti di Katy Perry. Il giovane ha affidato ai social il suo sfogo, affermando di esser stato “umiliato sessualmente”dalla cantante“.

L’accusa mossa da Kloss riguarda fatti accaduti nove anni, proprio alla fine delle registrazioni del video con Katy Perry: “Ho visto Katy qualche volta dopo la sua rottura con Russel. Una volta ho portato un amico che moriva dalla voglia di incontrarla. Era la festa di compleanno di Johny Wujek. E quando l’ho vista, ci siamo abbracciati, io ero cotto di lei… Ma mentre mi voltavo per presentarle il mio amico, lei ha armeggiato con i miei pantaloncini e le mie mutande Adidas per estrarre il mio pene e mostrarlo a tutti i presenti. Immaginate che patetico imbarazzo per me!”, ha raccontato il modello in un post su Istagram in cui ha pubblicato una foto di loro due insieme.

Kloss definisce il comportamento della Perry un vero e proprio abuso di potere sessuale e spiega di non averne mai parlato prima pubblicamente per proteggere l’immagine di Katy, ammettendo però di esser stato più volte sul punto di farlo e che a bloccarlo è stato il pregiudizio diffuso che solo gli abusi da parte di uomini siano recriminabili. “La tua mente è bloccata nel tentativo di fare il tuo lavoro e al tempo stesso proteggere la sua immagine o essere onesto e aiutare il dialogo globale su potere e abuso”, ha scritto il modello, aggiungendo come la Perry fosse “fredda come il ghiaccio” quando c’erano altre persone con loro e “simpatica e gentile” quando erano da soli.

Sapevo che dovevo sopportare, per mia figlia che era ancora una bambina, dovevo continuare a lavorare”, conclude Kloss specificando che non cerca né soldi né fama, ma che ha rivelato tutto solo per esigenza di dire la verità. Una verità che arriva però quando manca ormai sempre meno alle nozze della cantante con l’attore Orlando Bloom.

Visualizza questo post su Instagram

You know. After I met Katy, we sang a worship song, “open the eyes of my heart” She was cool and kind. When other people were around she was cold as ice even called the act of kissing me “gross” to the entire set while filming. Now I was pretty embarrassed but kept giving my all, as my ex was busy cheating on me and my daughter was just a toddler, I knew I had to endure for her sake. After the first day of shooting, Katy invited me to a strip club in Santa Barbara. I declined and told her “I have to go back to hotel and rest, because this job is all I have right now” So I saw Katy a couple times after her break up with Russel. This one time I brought a friend who was dying to meet her. It was Johny Wujek’s birthday party at moonlight roller way. And when I saw her, we hugged and she was still my crush. But as I turned to introduce my friend, she pulled my Adidas sweats and underwear out as far as she could to show a couple of her guy friends and the crowd around us, my penis. Can you imagine how pathetic and embarrassed i felt? I just say this now because our culture is set on proving men of power are perverse. But females with power are just as disgusting. So for all her good she is an amazing leader, hers songs are mainly great empowering anthems. And that is it. I continued to watch her use clips of her music videos for her world tour and then her dvd, only highlighting one of her male co-stars, and it was me. I made around 650 in total off of teenage dream. I was lorded over by her reps, about not discussing a single thing about anything regarding Katy publicly. And a couple interviews they edited and answered for me. So, happy anniversary to one of the most confusing, assaulting, and belittling jobs I’ve ever done. Yay #teenagedream I was actually gonna play the song and sing it on ukele for the anniversary, but then as I was tuning I thought, fuck this, I’m not helping her bs image another second.

Un post condiviso da Joshkloss (@iamjoshkloss) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Superenalotto, festa grande al bar Marino di Lodi dove è stato giocata la schedina da 209 milioni

prev
Articolo Successivo

Placido Domingo, dopo le accuse di molestie principali teatri del mondo cancellano i concerti del tenore

next