Disordini e scontri si sono verificati questa mattina nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme, dove si trovavano circa 100mila fedeli islamici per celebrare la Festa del Sacrificio. Secondo quanto dichiarato da un portavoce della polizia, al termine delle preghiere ci sono state delle tensioni. Decine i civili rimasti feriti, secondo la agenzia di stampa palestinese Wafa. Le forze dell’ordine israeliane, secondo quanto riportano i media, hanno sparato per lo più proiettili rivestiti di gomma, schegge di granate assordanti e gas lacrimogeni.

L’area, che per gli ebrei è conosciuta come Monte dei Tempio, era già stata chiusa agli israeliti, proprio per la sovrapposizione di due festività: la Id al-Adha musulmana e la 9 di Av, giorno di lutto e digiuno nel calendario religioso luni-solare del Giudaismo che ricorda la distruzione del Tempio di Gerusalemme. La decisione è stata molto contesta da esponenti della destra nazionalista. Il ministro dei trasporti Bezalel Smotrich l’ha definita “una resa al terrorismo dei facinorosi” e ha fatto appello al premier Benyamin Netanyahu affinché chiuda la Spianata ai palestinesi nei prossimi giorni.

Dopo gli incidenti, sulla Spianata è poi tornata la calma e la folla, secondo fonti locali, ha cominciato a lasciare l’area.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, auto esplode a Bengasi: morti tre membri dell’Onu e due civili. Violata la tregua prevista fino a lunedì: bombardato l’aeroporto

prev
Articolo Successivo

Venezuela/ 1, viaggio nel paese dell’autogoverno popolare

next