Il ministero dell’Economia ha annunciato che “Giovanni Tria, ha firmato il decreto ministeriale che fissa i termini per la presentazione delle istanze di indennizzo al Fondo Indennizzo Risparmiatori” previsto dalla Legge di Bilancio 2019 per tutti coloro che hanno visto i propri risparmi coinvolti dai crac bancari, con una dotazione complessiva di 1,5 miliardi. Spetta adesso alla Corte dei Conti registrare il provvedimento ministeriale che, spiegano dal dicastero, è “il terzo ed ultimo decreto attuativo relativo al Fondo per gli indennizzi ai risparmiatori che hanno subito un pregiudizio ingiusto da parte di banche e loro controllate”.

Dal giorno successivo alla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale, si hanno 180 giorni per presentare le domande che consentiranno “l’erogazione delle prestazioni del Fir”. Le istanze, “corredate dall’idonea documentazione, possono essere inviate esclusivamente per via telematica utilizzando i moduli presenti sulla apposita piattaforma informatica gestita da Consap (https://fondoindennizzorisparmiatori.consap.it/)”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, la proposta leghista alle parti sociali: “Riduzione tasse da 10-15 miliardi. A partire da bonus Renzi trasformato in decontribuzione”

prev
Articolo Successivo

Crisi di Governo, lo spread sale a 241 punti. Piazza Affari chiude in rosso. Titolo Atlantia sale: con la crisi evita revoca concessioni

next