Sotterrare un talento o farlo fruttare?

Trakanà, takini, ciliege e yogurt di capra. Sono i quattro “diamanti” della Tessaglia, regione della Grecia centrale ricca di storia e archeologia, recentemente salita alla ribalta anche per via di un recente studio nutrizionistico. I quattro prodotti citati sono indicati in una dieta altamente sana per bambini ed adulti per una serie di proprietà organolettiche peculiari.

Il trakanà è un composto di farina di grano duro (integrale o normale) e latte fresco, impastato assieme per poi ottenere dei granuli con cui realizzare una zuppa ideale per bambini.

Il takìni è una crema di sesamo, altamente nutriente e ricca di vitamine, che può essere integrata con vari altri ingredienti, come miele, cacao, agrumi. Il sesamo è un vero jolly perché al suo interno convivono molteplici “plus” come fosforo, ferro, magnesio, manganese, selenio, zinco, acido folico, acido oleico e acido linoleico. Il takini è indicato anche per soggetti affetti da disturbi alimentari, bisognosi di un diverso approccio energetico per poterli rieducare all’alimentazione.

Le ciliege della Tessaglia sono croccanti e succose, con la contemporanea presenza di due tipologie di vitamine (A e C) e una massiccia dose di antiossidanti utili anche per essere un alimento anti cancro.

Mentre lo yogurt di capra, con il tradizionale strato di burro, ha dalla sua molto calcio e si può consumare da solo o in abbinamento ad alcune ricette che fanno riferimento alla tradizione culinaria della Mikrì Asia, come le suzukakia.

Nutrienti, gradevoli, ricchi di valore nutrizionale e preziosi alleati della nostra salute. I quattro diamanti della Tessaglia sono stati alla base dell’infanzia di moltissimi greci da generazioni e, oggi, hanno però assunto una veste diversa: negli anni successivi alla crisi economica del 2012, sono il primo scalino di una filosofia nuova e allo stesso tempo antica che sta prendendo piede nel paese. Nell’ultimo anno si è registrato l’exploit dell’olio extravergine di oliva ellenico, che è sfociato in un evento tematico celebrato a Delfi, a pochi metri dal famoso oracolo e del miele di montagna che sta facendo incetta di premi.

Piccoli passi in avanti, di una comunità che non vuole arrendersi alla contingenza di policies e curvoni della storia che l’hanno interessata.

Un modo innovativo ma ispirato alla tradizione di una terra antichissima per guardarsi in casa, rimboccarsi le maniche e provare a far raddoppiare un talento, invece che sotterrarlo.

twitter@FDepalo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stromboli, ero lì quando il vulcano è esploso. Ma non è stata l’unica cosa singolare che ho visto

prev
Articolo Successivo

Best Explorer, la nave del Passaggio a Nord Ovest riparte alla volta dell’Artico. Buon vento!

next