Il sito Pastebin lunedì pomeriggio ha pubblicato un post anonimo contenente una lista di circa 18mila nomi di presunti clienti del gruppo delle carte di credito Nexi, corredati da codice fiscale, indirizzo e, in alcuni casi, numero telefonico. Nexi ha precisato che “nessuno dei dati afferiva a informazioni di natura finanziaria“, come il numero di carta di credito, eventuali codici identificativi, pin o password, e “al momento” non ha rilevato “alcuna violazione dei propri servizi informatici“, tanto che “nessun dato relativo alle carte di pagamento gestite da Nexi è stato in alcun modo compromesso”.

Dopo la diffida nei confronti del sito, “i dati sono stati prontamente rimossi“. In molti casi comunque, continua il comunicato, i dati anagrafici contenuti nel sito “non trovavano corrispondenza” con quelli contenuti nei sistemi informatici.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, in Germania sempre più istituti chiedono ai clienti di pagare per tenere i soldi sul conto corrente

next
Articolo Successivo

Industria, “in Lombardia nel secondo trimestre produzione in calo dopo sei anni di crescita. Pesa il rallentamento tedesco”

next