Il sito Pastebin lunedì pomeriggio ha pubblicato un post anonimo contenente una lista di circa 18mila nomi di presunti clienti del gruppo delle carte di credito Nexi, corredati da codice fiscale, indirizzo e, in alcuni casi, numero telefonico. Nexi ha precisato che “nessuno dei dati afferiva a informazioni di natura finanziaria“, come il numero di carta di credito, eventuali codici identificativi, pin o password, e “al momento” non ha rilevato “alcuna violazione dei propri servizi informatici“, tanto che “nessun dato relativo alle carte di pagamento gestite da Nexi è stato in alcun modo compromesso”.

Dopo la diffida nei confronti del sito, “i dati sono stati prontamente rimossi“. In molti casi comunque, continua il comunicato, i dati anagrafici contenuti nel sito “non trovavano corrispondenza” con quelli contenuti nei sistemi informatici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banche, in Germania sempre più istituti chiedono ai clienti di pagare per tenere i soldi sul conto corrente

next
Articolo Successivo

Industria, “in Lombardia nel secondo trimestre produzione in calo dopo sei anni di crescita. Pesa il rallentamento tedesco”

next