Ci sono almeno un morto e 11 feriti tra le vittime di una sparatoria avvenuta intorno alle 22.30 del 27 luglio ora locale durante un evento pubblico al parco Brownsville Playground, a est di Brooklyn, quartiere di New York. La vittima è un giovane di 38 anni, morto dopo essere stato colpito alla testa dai proiettili. A riferire la notizia è l’emittente statunitense Cbs, mentre in un video pubblicato sui social network da un testimone, si vedono le forze dell’ordine rispondere al fuoco. Il sindaco di New York, Bill de Blasio, è intervenuto dicendo che toglierà le armi dalle strade della città.

Le dinamiche non sono ancora chiare, ma secondo il New York Post, l’uomo che ha dato il via alla sparatoria sarebbe poi fuggito e gli investigatori hanno in seguito trovato una pistola abbandonata nelle vicinanze. Secondo le prime ricostruzioni sarebbero però 2 gli aggressori ricercati, che sono riusciti a fare irruzione all’evento nonostante la presenza di più di 100 poliziotti. Nel parco era in corso l’evento “Old Timers Day”, due giorni di concerti ed esibizioni al quale partecipano ogni anno migliaia di cittadini che vengono da tutto il Paese.


Il quartiere di Brownsville, tuttavia, è uno dei quartieri che da anni si trova in lotta con il problema della violenza causata dalla presenza di armi nelle strade della Grande Mela. Bill de Blasio ha infatti commentato così l’accaduto sul suo account Twitter: la sparatoria “ha stravolto un evento pubblico pacifico. I nostri cuori sono con le vittime. Faremo tutto ciò che è in nostro potere per mantenere questa comunità al sicuro e far sparire le armi dalle nostre strade”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Brasile ‘politically correct’ di Bolsonaro tra dazi e tragedie ambientali

prev
Articolo Successivo

California, sparatoria in un festival a San Jose: almeno quattro morti, diversi feriti

next