Quando un fluido, come l’acqua o l’aria, scorre velocemente, si verificano delle turbolenze (ossia dei cambiamenti nella velocità e nella pressione all’interno del fluido) che penalizzano l’efficienza di prodotti quali ad esempio le turbine eoliche e motori a reazione. Un gruppo di ricercatori dell’Imperial College di Londra ha condotto simulazioni con i supercomputer, usando processori grafici originariamente sviluppati per i videogiochi, per mettere a punto modelli ingegneristici di turbolenza precisi e funzionali.

Il risultato dello studio è stato pubblicato sul Journal of Fluid Mechanics, e in buona sostanza consente di testare modelli empirici e di crearne di nuovi, portando a progetti estremamente ottimizzati. Il coautore dello studio, professore Peter Vincent del Dipartimento di Aeronautica dell’ateneo, spiega che “ora abbiamo una soluzione per un importante problema di flusso. Possiamo verificare i modelli empirici di turbolenza rispetto alla risposta ‘corretta’, e sincerarci che descrivano bene ciò che accade realmente o se sono necessari adattamenti“.

Per comprendere meglio di cosa si tratta, partiamo da una domanda piuttosto semplice: se l’acqua di una diga venisse improvvisamente rilasciata in un fiume e chiusa subito dopo, che effetto avrebbe sul flusso del fiume? Per rispondere si potrebbero usare dei modelli e determinare il comportamento “medio” complessivo del fluido, simulando una miriade di opzioni. Oppure si potrebbe affidare il compito a un supercomputer e fargli calcolare migliaia di simulazioni, ciascuna delle quali richiede miliardi di calcoli per essere completata. Nel secondo caso, si ottengono i parametri esatti che descrivono come il disturbo viene assorbito nel flusso d’acqua e determinare tutti i possibili requisiti che il modello deve soddisfare.

Il professore Peter Vincent davanti a una delle simulazioni di flusso

 

Il co-autore Professor Sergei Chernyshenko sottolinea con orgoglio come il problema di meccanica dei fluidi a cui ha trovato risposta questo studio fosse aperto da oltre 40 anni, e finalmente ha una soluzione. Non a caso, l’articolo sul sito ufficiale dell’ateneo è indicato come: “Problema risolto”.

Una simulazione ipnotica

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple acquisisce la divisione modem di Intel e diventa protagonista della 5G

next
Articolo Successivo

HiSense H55O8B OLED, il TV da 55 pollici e risoluzione 4K a un prezzo competitivo

next