È collassato sul ring durante la proclamazione del vincitore ed è entrato in coma: così è morto a 23 anni il pugile argentino Hugo Alfredo Santillan. Il giovane campione di boxe aveva appena disputato un match di superleggeri a San Nicolas, sempre in Argentina, contro l’uruguaiano Eduardo Javier Abreu sabato pomeriggio quando si è sentito male a causa dei danni cerebrali riportati nell’incontro.

Il 23enne è stato trasportato d’urgenza in ospedale e le sue condizione sono apparse subito molto gravi. Santillan è entrato in coma e non si è più ripreso. Soprannominato ”Dinamita”, Hugo Santillan era un pugile professionista dal 2015, aveva tenuto 27 combattenti (19 vittorie, 6 sconfitte, 2 pari). Solo pochi giorni fa era deceduto il russo Maxim Dadashev, che si era sentito male dopo l’incontro con il portoricano Subriel Matias. Subito operato per un ematoma cerebrale era finito in coma ed anche lui non si era più risvegliato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ozil aggredito da due ladri armati di coltello, il compagno di squadra Kolasinac li affronta e li mette in fuga. Le immagini

next
Articolo Successivo

Lo sfogo di Oscar Giannino in diretta prima dell’addio a Radio24: “Posso dire le parolacce, cazzo. Poi non mi sentirete più”

next