Sono complessivamente 507 mila i veicoli, commercializzati in tutto il mondo, verso cui Volvo ha fatto partire una campagna di richiamo. Si tratta di veicoli costruiti tra il 2014 e il 2019, con motore 2.0 diesel da quattro cilindri, che a causa di un componente fallato del motore, potrebbero ingenerare combustioni. I modelli in questione sono quindi S60, S80, S90, V40, V60, V70, V90, XC60 e XC90.

Finora, specifica in una nota la Casa svedese di proprietà cinese, non si hanno notizie di danni ma a seguito delle indagini interne condotte, “in casi molto rari il componente in plastica del motore potrebbe sciogliersi e deformarsi, così da provocare l’incendio del vano motore”: per questo, annuncia ancora Volvo, i proprietari riceveranno tutti delle lettere in cui si chiederà di recarsi nelle concessionarie più vicine per segnalare le proprie auto e mandarle in riparazione.

Il sito specializzato Automotive News, che riporta la notizia, fa sapere che il costruttore non ha rilasciato alcuna dichiarazione su quanto questa operazione, interamente a carico della Casa, potrà incidere a livello economico. Intanto si tratta del secondo richiamo dall’inizio del 2019, ma il primo aveva riguardato circa 200 mila modelli – alcuni presenti anche nell’attuale campagna – con motore diesel e problemi proprio di alimentazione, sempre a rischio incendio. Anche in quel caso, la sostituzione dei componenti difettosi era gratuita per i clienti e a spese di Volvo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esodi estivi, ultimi week end da bollino rosso. Quello nero comincia ad agosto

next
Articolo Successivo

Furti d’auto in crescita, ecco dieci consigli per evitare brutte sorprese durante le ferie

next