Lenovo ha annunciato l’arrivo in Italia dei notebook della gamma ThinkBook, una nuova famiglia di prodotti pensata principalmente per quegli utenti che sono alla ricerca di un prodotto che offra la medesima sicurezza, affidabilità e supporto dei dispositivi business, ma che tradizionalmente per questioni sopratutto di prezzo si rivolge ai prodotti del mercato consumer, ponendosi dunque a cavallo tra quest’ultimi ed i modelli della celebre gamma professionale ThinkPad.

Il primo modello a debuttare sul mercato italiano sarà il ThinkBook 13S, un notebook con schermo da 13 pollici FullHD (con supporto a Dolby Vision) che può equipaggiare cpu Intel i5 o i7, fino a 16GB di RAM e 512GB di storage SSD, che pesa circa 1,4Kg. Si presenta con con un corpo sottile in alluminio ed un design moderno, simile a quello dei dispositivi delle gamme consumer di Lenovo, ma a distinguerlo da questi presenta il pulsante d’accensione con sensore d’impronta integrato (permette di sbloccare il PC da spento o da standby), un chip dTPM 2.0 per la gestione di crittografia e sicurezza, ed il ThinkShutter, un copri-webcam a scorrimento che permette di disattivare semplicemente la camera.

Il ThinkBook 13s supporta il Modern Standby, una modalità che permette al pc di ricevere mail e chiamate skype anche quando è in standby (è possibile rispondere o chiudere le chiamate tramite appositi tasti sulla tastiera, senza bisogno di sbloccare il computer). Per quanto riguarda la batteria, Lenovo indica per il ThinkBook 13s una durata di circa 11 ore, con la possibilità tramite ricarica rapida di ottenere 9h di utilizzo con 60 minuti di ricarica.

Lenovo ThinkBook 13s arriverà in Italia durante il mese d’agosto, vedendo la configurazione base con Intel i5, 8GB di RAM e 256GB di disco avere un prezzo consigliato di 779€ iva esclusa (circa 950€ includendo l’IVA)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sony brevetta uno schermo flessibile per smartphone. Gli Xperia diventeranno pieghevoli?

prev
Articolo Successivo

FaceApp, la nostra privacy è morta da tempo (tra una risata e l’altra)

next