“A volte penso che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana”. Luciano De Crescenzo amava così tanto la sua città – sempre presente nelle sue opere – da dire: “Mi manca anche quando sono lì”. La raccontò con ironia interpretando al meglio l’anima della sua gente. È morto a Roma, dove era ricoverato da alcuni giorni. Nato nel 1928, avrebbe compiuto 91 anni il 18 agosto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pino Santarelli e Aboubakar Soumahoro, due storie italiane per ritrovare la nostra identità

next
Articolo Successivo

Mattia Torre, l’incipit de “La linea verticale”, il libro in cui l’autore ha raccontato la sua malattia

next