“A volte penso che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana”. Luciano De Crescenzo amava così tanto la sua città – sempre presente nelle sue opere – da dire: “Mi manca anche quando sono lì”. La raccontò con ironia interpretando al meglio l’anima della sua gente. È morto a Roma, dove era ricoverato da alcuni giorni. Nato nel 1928, avrebbe compiuto 91 anni il 18 agosto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pino Santarelli e Aboubakar Soumahoro, due storie italiane per ritrovare la nostra identità

prev
Articolo Successivo

Mattia Torre, l’incipit de “La linea verticale”, il libro in cui l’autore ha raccontato la sua malattia

next