Lo sgravio contributivo per chi ha assunto con contratti a tempo indeterminato giovani tra i 18 e i 35 anni o disoccupati da più di sei mesi nelle Regioni del Sud è valido per tutti i contratti di lavoro attivati dall’1 gennaio 2019. Lo ha precisato la circolare operativa dell’Inps, pubblicata mercoledì. Anche se il decreto Anpal dello scorso 19 aprile prevedeva l’incentivo solo per le assunzioni effettuate da maggio a dicembre, il decreto Crescita ha infatti esteso l’operatività della misura
anche a quelle avvenute tra gennaio e aprile.

L’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, per un importo massimo di 8.060 euro annui. Non sono oggetto di agevolazione i premi Inail, il contributo al fondo di tesoreria del Tfr per datori di lavoro con almeno 50 addetti, il contributo ai fondi di solidarietà bilaterali e al Fondo di integrazione salariale, il contributo dello 0,3% al finanziamento dei fondi interprofessionali e quello di solidarietà del 10% in riferimento ai premi versati alle Casse sanitarie e ai fondi di previdenza complementare. Spetta alle imprese che assumono in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna indipendentemente dalla residenza della persona da assumere e dalla sede legale del datore di lavoro.

Nel caso di lavoratori che, alla data di assunzione, abbiano un’età compresa tra i 16 e i 34 anni, è sufficiente che risultino disoccupati.. I lavoratori che invece alla data di assunzione abbiano già compiuto 35 anni di età, oltre che essere genericamente disoccupati, devono essere privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi. Sono esclusi dall’incentivo i rapporti di lavoro domestico, il lavoro a tempo indeterminato del personale dirigente, il lavoro intermittente e quello occasionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Almaviva, annunciati 1.600 esuberi nella sede di Palermo: presidio dei lavoratori del call center davanti alla Prefettura

prev
Articolo Successivo

Corpo Forestale, il paradosso dei 507 idonei: verso l’assunzione con la legge D’Alia, disoccupati con un decreto del Governo Renzi

next