Un super-ricco su due vive a Milano. A certificarlo è l’Inps nel Rapporto annuale presentato mercoledì. Più si alza l’asticella di quelli che l’istituto definisce ‘top earner’ più si riscontra una concentrazione al Nord, soprattutto nelle aree urbane. In particolare, vive nel capoluogo lombardo il 54% del top 0,01% – la micro-fascia in cui si colloca chi guadagna più di 533mila euro – e il 42% del top 0,1% – chi prende oltre i 217mila euro annui. La seconda classificata è Roma, con percentuali, sottolinea l’Inps, “che però non raggiungono il terzo di quelle milanesi”.

“L’aumento della concentrazione dei ‘top earners’ nella provincia di Milano man mano che si sale nella distribuzione del reddito è un fenomeno significativo – spiega l’Inps – e offre spunti di analisi sulla concentrazione geografica del reddito e le sue implicazioni sull’agglomerazione di competenze qualificate e imprese produttive in pochi centri distribuiti in maniera fortemente disomogenea sul territorio nazionale”.

Ma non ci sono solo divari territoriali. Lo stesso presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, nella relazione che ha accompagnato il Rapporto annuale, aveva evidenziato “come all’aumentare dei percentili lungo la distribuzione dei salari la quota di donne diminuisce in modo drastico: nel top 10% tale quota si attesta al 23%, nel top 1% si scende al 15% e nel top 0,01% la percentuale di donne è solo del 7,5%“.

Non solo. L’analisi contenuta nel Rapporto conferma un aumento rilevante nel tempo della soglia necessaria per entrare nel top 0,1% e soprattutto nel top 0,01% della popolazione dei lavoratori: per questo ultimo la soglia aumenta da 220.000 euro nel 1978 a 533.000 euro nel 2017 (+242%). Per Tridico “ciò suggerisce come negli ultimi decenni la concentrazione degli alti redditi abbia caratterizzato in modo rilevante anche il nostro paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrero compra Kelsen: 300 milioni di dollari per i biscotti danesi al burro

prev
Articolo Successivo

Commercio estero, Istat: a maggio le esportazioni crescono dell’8% annuo

next