Emergenza rifiuti a Roma? Mi duole dire che il consigliere comunale del M5s ha completamente ragione. Il problema di fondo di Roma è sempre stata la Regione Lazio, sia con Zingaretti, sia con Polverini, sia coi loro predecessori“. Sono le parole dell’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il quale, durante Omnibus (La7), condivide il j’accuse di Pietro Calabrese, presidente M5s della Commissione Mobilità di Roma Capitale, sull’emergenza dei rifiuti nella Capitale.

Alemanno spiega: “La Regione Lazio non ha mai predisposto un piano rifiuti che fosse in grado di dare una risposta ai cittadini di Roma. E Roma da sola non lo può fare. L’ho sempre detto quando ero sindaco, litigando con Zingaretti che era presidente della Provincia e con la stessa Polverini. Il Comune di Roma è quello con più persone e con più vincoli. E non può ospitare al proprio interno un numero di impianti sufficiente per smaltire tutti i rifiuti. E’ la Regione Lazio che deve provvedere e non certo con l’ordinanza emessa venerdì scorso, ordinanza che è una grida manzoniana totalmente inutile. Pensate – continua – che nell’ordinanza di Zingaretti si impone all’Ama di mettere 300 cassonetti in più in 3 giorni. Ma sapete quanti sono i cassonetti a Roma? Sono 52mila. E questi ordinano di mettere solo 300 cassonetti per strada, senza mettere una lira per aiutare Ama a smaltire i rifiuti. I problemi sono nati da quando fu chiusa la discarica di Malagrotta, come volle Ignazio Marino per farsi bello. Ma non predispose nessuna alternativa. Da quel momento Roma è in costante emergenza”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Affidi illeciti Emilia, Meloni vs Malpezzi: “Voi del Pd parlate solo di Sea Watch”. “Speculate su sofferenza famiglie”

next
Articolo Successivo

Damilano a Paragone: “Salvini capo del governo, voto su Diciotti inizio della vostra fine”. “Non è vero, parlano i fatti”

next