Un giorno mi strinse le mani al collo fino quasi a soffocarmi“. A rivelarlo in un’intervista al settimanale Di Più è Ambra Lombardo, concorrente del Grande Fratello 16 e fidanzata di Kikò Nalli, che ha conosciuto proprio nella casa del reality di Canale 5. Tra i due è scoppiato subito l’amore ma la ragazza ha svelato di avere alle spalle un passato difficile a causa di un fidanzato violento che l’ha resa vittima di abusi fisici e psicologici.

I fatti risalgono a circa 7 anni fa, quando Ambra viveva ancora in Sicilia ed era innamorata di un uomo molto geloso e possessivo, con cui aveva una relazione: “Lui era geloso dei ragazzi che avevo conosciuto in passato, prima di lui. Mi recriminava storie di quando nemmeno ci conoscevamo – ha raccontato -. Un giorno mi strinse le mani al collo fino quasi a soffocarmi. Non mi prendeva a schiaffi, preferiva strattonarmi. Per terra. Ricordo di aver nascosto per giorni un livido sul collo che si allungava fino al petto. Poi mi riempiva di insulti molto pesanti. Cose forti. Gesti forti e violenti”.

“Non riuscivo a staccarmi. Quando lo lasciavo, lui mi perseguitava e mi raggiungeva sotto casa dei miei genitori perché desiderava farsi perdonare. E io ci ricascavo”, ha spiegato l’ex gieffina. Nonostante questo, il loro sentimento era talmente forte che lei sarebbe voluta convolare a nozze con lui per creare una famiglia. “Mentivo a me stessa, mi colpevolizzavo. A tratti ero convinta di essere io la responsabile dei suoi comportamenti. Io lo amavo nonostante la sua crudeltà. Io ero innamorata di una parte buona che vedevo in lui che, in realtà, non c’era. Sono stata solo un’illusa”. Lei non ha mai sporto denuncia nei confronti di quell’uomo ma consiglia a tutte le ragazze che si trovano in una situazione simile di farlo perché “un uomo violento è un uomo che non sta bene”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meghan Markle va a Wimbledon e ignora Kate Middleton: il gesto in tribuna

prev
Articolo Successivo

Jova Beach Party al via a Lignano Sabbiadoro, M5s fa interrogazione contro Jovanotti per danni ambientali e lui replica: “Fake news”

next