Una ragazza ha preso un barattolo dal freezer di un supermercato, lo ha aperto e si è messa a leccare il gelato. Poi lo ha chiuso e riposto sullo scaffale come se niente fosse. Una bravata immortalata con un video poi pubblicato sui social dove presto è diventato però virale, con oltre 11 milioni di visualizzazioni in pochi giorni, e così la cosa ha fatto il giro del mondo. È successo negli Stati Uniti, in Texas, in un supermercato della catena Walmart: l’episodio è salito alla ribalta delle cronache ed è arrivato all’attenzione anche della polizia, tanto che ora la giovane è ricercata e rischia una condanna da 2 a 20 anni di carcere oltre a una multa fino a 10mila dollari, come riferisce la Cnn.

Il video mostra la giovane donna ancora non identificata aprire una confezione di gelato della Blue Bell Creameries, leccarla e poi, tra le risate, rimetterla a posto nel congelatore. A scopo precauzionale Walmart ha subito annunciato di aver ritirato dalla vendita tutte le confezioni di gelato di quel gusto presenti nel supermercato dove si ipotizza sia avvenuto l’episodio. La polizia infatti ha sequestrato le immagini delle telecamere di sorveglianza di un negozio in cui si vede entrare una donna che assomiglia molto a quella del video virale. La sua identità è ora al vaglio degli inquirenti e, una volta scoperta, per lei scatterà un mandato di arresto. La ragazza rischia infatti un’accusa per manipolazione di un prodotto di consumo, secondo quanto stabilito dal dipartimento di polizia di Lufkin in una e-mail alla Nbc News. Non solo, con la Food and Drug Administration stanno valutando anche eventuali ulteriori accuse federali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chris Cline, morto il miliardario americano: il suo elicottero è precipitato alle Bahamas. Oltre a lui altre 6 vittime

next
Articolo Successivo

Germania, allarme processionarie: 15 persone ricoverate. Chiuse scuole, strade e ristoranti

next