Altro che pax nel nome del compromesso, in attesa di scrivere le regole per il rinnovamento interno di Forza Italia, con le primarie ancora sullo sfondo. Dentro il partito azzurro è ancora caos: non è bastata la scelta di Silvio Berlusconi di nominare nuovi coordinatori Mara Carfagna e il ribelle Giovanni Toti, nel tentativo di spegnere le polemiche interne. Un vertice a Palazzo Grazioli, con il presidente e i due neo coordinatori, si è tenuto nel corso della mattinata, ma le “regole condivise“, come confermano i protagonisti, ancora sembrano lontane.
Ma non solo. Il presidente della regione Liguria, da tempo in rotta con i vertici, ha pure deciso comunque di confermare la sua kermesse organizzata al Teatro Brancaccio a Roma, prevista per sabato 6 luglio, nonostante l‘irritazione di mezzo partito e dello stesso Berlusconi. “Se Berlusconi mi ha chiesto di cancellarla? Ma no, perché mai. Con lui il rapporto è buono, anche quando non condividiamo le stesse idee”, sostiene lo stesso Toti.
Ma se la capogruppo alla Camera, Maria Stella Gelmini aveva parlato di “iniziativa nata contro il partito”, anche l’altra coordinatrice Carfagna, al termine del vertice, gela Toti: “Domani non sarò alla convention di Toti, perché non è una manifestazione di partito, è un’iniziativa personale”, ha chiarito. Per poi “avvisare” il collega “Sono certa che Toti sappia indirizzare la riflessione verso idee costruttive, lo farà in totale libertà”. Ma il rischio, spiega, è che la kermesse “possa essere divisiva“.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carola Rackete, l’avvocato Gamberini: “Quereliamo Salvini. Per leoni da tastiera forse citazioni civili di risarcimento”

prev
Articolo Successivo

Aldo Moro, lo storico Miguel Gotor e il libro sull’assassinio del presidente Dc: “20 saggi per fare chiarezza sul delitto”

next