Il rapimento e il delitto di Aldo Moro rappresentano “lo spartiacque della storia della Repubblica italiana”. In venti saggi, raccolti nel suo ultimo libro Io ci sarò ancora. Il delitto Moro e la crisi della Repubblica, edito da Paper First, lo storico Miguel Gotor affronta i principali nodi della vicenda. Durante la presentazione del libro, al Festival del Libro Possibile di Polignano a Mare, con il magistrato Gian Carlo Caselli che ne ha curato la prefazione, si è ragionato su come questo delitto abbia cambiato la storia italiana. Senza però, chiarisce l’autore, “fare di Moro un santino”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Forza Italia, Toti: “Confermo la mia convention”. Carfagna: “Rischio è che sia divisiva, non si faccia la fine del Pd”

next
Articolo Successivo

Fratelli d’Italia, dopo gli arresti dei consiglieri per ‘ndrangheta l’appello ai territori: “Non far entrare chiunque”

next