Sulle nuove forme di mobilità ancora dubbi e qualche incertezza, sia a livello nazionale che internazionale, ma allo stesso tempo anche tanto interesse a conoscerne le novità. Perché un cambio di rotta nel modo di muoversi è sentito come necessario da un’ampia porzione di popolazione. Per 6 italiani su 10 la mobilità rappresenta una vera problematica quotidiana, tanto che per 1 su 2 questa arriva ad avere un’incidenza negativa sulla vita di tutti i giorni: lo fa condizionando e limitando il tempo libero e le scelte familiari, laddove sussistono esigenze più complesse, e poi impatta negativamente anche per i costi consistenti da dover sostenere.

A delineare questo quadro sono i dati dell’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility di Deloitte, azienda di servizi di consulenza, che sono stati poi esposti in occasione della 3° Conferenza Nazionale sulla Sharing Mobility. Il report si basa su dati nazionali integrati con quelli internazionali e derivanti da un’indagine condotta, in collaborazione con SWG, in Italia e in Francia, Germania, Finlandia, Regno Unito.

Ciò che ne risulta è sicuramente una crescente consapevolezza dei disagi della mobilità tradizionale, ma anche l’esigenza di avere a disposizione dei nuovi servizi efficienti e dalla spesa abbordabile. Relativamente alle statistiche ottenute tra gli intervistati italiani, per il 79% di questi la mobilità rappresenta la prima causa di inquinamento, tanto che 6 persone su 10 non ritengono necessario l’utilizzo dell’alimentazione a combustibile fossile per i mezzi di trasporto; questo si traduce, in Italia più che nel resto d’Europa, nella decisione di abbandonare i mezzi ad alimentazione tradizionale per scegliere quella alternativa. Il vero problema è che, sempre per il 43% degli italiani, i costi dei mezzi a basso impatto ambientale sono ancora proibitivi, ma 8 intervistati su 10 sarebbero comunque pronti a cambiare il proprio veicolo.

Sulle diverse forme di mobilità in diffusione nelle città italiane si sa molto (l’80% dei cittadini conosce i diversi servizi offerti) ma difficilmente si scelgono come alternative: solo l’8% degli italiani utilizza servizi di car sharing e simili in maniera abituale. Questo perché, pure se oltre la metà degli italiani si sente pronta ad usufruirne, persistono alcuni aspetti che rendono i servizi ancora impraticabili, come ad esempio la poca flessibilità, in alcuni casi la complessità dell’utilizzo e poi il costo ancora mediamente elevato, aspetto che per il 90% degli intervistati è un fattore più che determinante nella scelta.

Ciò che ha rilevato l’analisi di Deloitte sono poi le esigenze cui dovrebbe rispondere lo sviluppo dei servizi di mobilità nel futuro, e cioè rendere sempre più riconoscibili gli operatori (in particolare i nuovi, quelli che non provengono dal settore dei trasporti) e le loro offerte: ad esempio, ad oggi, oltre il 50% degli italiani ignora ancora la modalità pay-per-use del car sharing oppure il libero accesso alle Ztl e ad alcuni parcheggi, o tutti gli altri benefici del noleggio a lungo termine.

“La nuova mobilità non è una visione, ma un cambiamento necessario che di fatto è già in corso” ha osservato Luigi Onorato, Senior Partner, FSI Innovation Leader, Monitor Deloitte: “Affinché si arrivi però ad un pieno sviluppo ed utilizzo delle nuove forme di mobilità, occorre che operatori istituzionali e privati mettano in campo iniziative mirate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tamponamento mentre si parcheggia? Il 16,5% degli italiani fa il furbo e scappa

next
Articolo Successivo

Dieselgate, in Germania un nuovo caso che riguarda Audi. L’accusa di Handelsblatt e Bayerische Rundfunk

next