Si è suicidato l’uomo in fuga e ricercato dalla polizia dopo aver aperto il fuoco davanti a una moschea di Brest, nel nord della Francia, ferendo due persone questo pomeriggio. A dare la notizia sono fonti della polizia che citano media locali.

Tra i primi a diffondere la notizia della sparatoria era stato il ministro dell’Interno, Christophe Castaner, precisando in un tweet che la polizia è “mobilitata”. Secondo il quotidiano locale Le Telegramme, l’uomo ha aperto il fuoco a più riprese davanti alla moschea del quartiere di Pontanezen. Due persone sono rimaste ferite: “I due uomini erano coscienti quando sono arrivati i soccorsi”, ha raccontato un testimone al giornale locale, precisando che i due sarebbero stati colpiti alle gambe. Uno dei due sarebbe l’imam della moschea, Rachid El Jay, noto per le polemiche suscitate da alcune sue prediche pubblicate su Internet in cui condanna le donne o la musica come “creature del diavolo”, riporta il sito di Le Parisien.

“I nostri servizi sono mobilitati per fermare l’autore degli spari che hanno ferito due persone, davanti alla moschea di Pontanézen, a Brest. Ho chiesto ai prefetti di rafforzare la sorveglianza dei luoghi di culto nel Paese”, aveva poi scritto su Twitter Castaner.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aereo fuori pista in Siberia, si schianta e prende fuoco: a bordo 48 persone, morti due piloti. Il video dalla cabina

next
Articolo Successivo

La sconfitta di Erdogan a Istanbul e la bomba dei profughi siriani

next