Il Sud Italia è l’area europea con la più bassa percentuale di persone che hanno un lavoro. Secondo i dati pubblicati da Eurostat, quattro delle cinque Regioni dell’Unione europea con il più basso tasso di occupazione sono nel Meridione: Sicilia, Campania, Calabria e Puglia. A fronte di una media europea di lavoratori impiegati del 73 per cento, in queste quattro Regioni soltanto meno della metà delle persone tra 20 e 64 anni ha un’occupazione. Messa peggio di loro soltanto Mayotte, un territorio d’oltremare francese in Africa, vicino al Madagascar.

In Sicilia, la percentuale di persone occupate è il 44,1%, in Campania il 45,3%, in Calabria il 45,6% e in Puglia il 49,4%. L’Italia pur avendo un tasso di occupazione complessivo medio maggiore di quello della Grecia – il 63% contro il 59,5% – ha un divario più ampio tra le singole regioni, con in testa l’Emilia Romagna al 74,4% e la provincia di Bolzano al 79%. La situazione in Spagna invece, che in passato era simile a quella italiana, sta migliorando a un ritmo molto più veloce che nel nostro Paese. Negli ultimi cinque anni, il tasso di occupazione spagnolo è aumentato dal 60 al 67 per cento, mentre in Italia è passato dal 60 al 63. In ottica comparativa, la regione con la più alta percentuale di occupati è quella di Stoccolma con l’85,7 per cento.

Il dato italiano è basso soprattutto per la scarsa partecipazione al lavoro delle donne. Nel nostro Paese tra i 20 e i 64 anni lavora solo il 53,1% delle donne contro il 67,4% medio nell’Unione europea (il 75,8% in Germania). Ed anche qui, ci sono differenze enormi tra le regioni: in Emilia Romagna lavora il 66,7% delle donne, in Sicilia il 31,5%. Mentre in Campania sono il 31,9%, in Calabria il 33,5% e in Puglia il 35,6%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria, 25mila in piazza per chiedere maggiori investimenti per il Sud: “Ripartiamo da qui per rilanciare l’Italia”

next
Articolo Successivo

Delocalizzazione, un’operazione diventata profondamente ingiusta. E colpevolmente silenziata

next