Capelli di colore naturale e con un taglio non bizzarro. Smalto trasparente sulle unghie. Reggiseno obbligatorio tutto l’anno di colore “neutro” per “non creare turbamento nei cittadini”. Queste sono solo alcune delle prescrizioni per le vigilesse di Cittadella (Padova) introdotte del nuovo regolamento della polizia locale che il consiglio comunale della città patavina dovrà votare tra pochi giorni. Da un lato le novità sull’assetto antisommossa e antiterrorismo, con scudi e maschere antigas in dotazione obbligatoria, dall’altro un “dress code” rigido.

Dicevamo dei capelli, intanto. Niente frangia troppo lunga (“la lunghezza, anteriormente, non deve eccedere al di sotto delle sopracciglia”) e se i capelli sono comunque lunghi dietro andranno raccolti in una coda di cavallo o in una treccia purché si usino “accessori di dimensioni ridotte e di colore tale da risultare poco appariscenti”. Sui cosmetici il nuovo regolamento parla chiaro: rossetto, cipria, fard, mascara devono avere “colori tenui” e non troppo marcati. Fede o anello di fidanzamento bene, ma gli orecchini posso essere indossati solo “se non sono pendenti” e in tutte e due le orecchie.

“Tinta carne”, invece, per reggiseno e collant da indossare “sia d’inverno che d’estate, salvo specifiche e temporanee autorizzazioni da parte del medico competente”. Importanti novità riguardano anche le norme comportamentali come il saluto militare con mano destra all’altezza della visiera del copricapo anche solo davanti a semplici cittadini. “I nostri agenti sono tenuti ad avere un aspetto consono – ha spiegato a Il Gazzettino, il comandante dei vigili di Cittadella, Samuele Grandin – Siamo forze dell’ordine a tutti gli effetti, per cui vige un principio militaresco. Chi sceglie questo lavoro deve capire che non siamo un’armata Brancaleone”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scoiattolo incastrato in un tombino, è salvo

next
Articolo Successivo

Maria Elena Boschi, il selfie che fa impazzire tutti (anche gli “avversari” politici): “Sei più bella che comunista”

next