Diletta Leotta è tornata single, la conduttrice avrebbe detto addio al compagno Matteo Mammì dopo una relazione durata circa quattro anni. La notizia lanciata da Dagospia, come immaginabile, ha fatto in poco tempo il giro dei social network, anche se al momento non è stata confermata dai protagonisti. Il volto di Dazn “ha mollato al suo destino il compagno Mammì e si è comprata una bella casa a Milano per cominciare a divertirsi”, ha aggiunto il sito diretto da Roberto D’Agostino.

Lo scorso 27 aprile la Leotta a Silvia Toffanin a Verissimo aveva parlato del compagno, ex dirigente Sky, e di un rapporto che sembrava solido: “Matteo è il mio gol più bello nella mia vita privata. Sono felice con lui da quattro anni. Abbiamo un rapporto di grande complicità.” La Leotta non aveva nascosto i suoi progetti privati rivelando il sogno di una gravidanza: “Mi piacerebbe diventare mamma con lui, io arrivo da una famiglia numerosa, ma non so se arriverò ad avere quattro figli come ha fatto mia mamma“. Qualcosa in meno di due mesi deve essere andata storta.

La bella presentatrice sportiva è seguitissima sui social, solo su Instagram supera i 4 milioni di follower, collabora con Radio Mediaset. Lo scorso anno ha condotto su Fox una nuova edizione de “Il contadino cerca moglie“, oltre all’addio a Sky per lanciarsi in una nuova avventura con Dazn. Il settimanale Oggi ha fatto poi sapere che la Leotta è molto contesa dagli organizzatori di eventi: “Qualche sera fa ha fatto le ore piccole alla “Gintoneria da Davide” noto locale della movida meneghina aperto fino all’alba. Si sussurra che abbia stappato ben 3 bottiglie magnum di pregiatissimo champagne. I soliti ben informati sostengono che a saldare il salatissimo conto sia stato un suo misterioso e anonimo ammiratore presente in sala.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Andrea Camilleri ricoverato in rianimazione: ha avuto un arresto cardiaco, è in gravi condizioni

next
Articolo Successivo

Sara Tommasi incinta? Ma Dagospia si chiede se si tratti di un caso simile a quello di Pamela Prati: ecco cosa è accaduto

next