Nel centro storico di Carrara, l’estate passa attraverso libri, musica, sport, performance e manifestazioni. Da giugno ad agosto, sono tanti gli eventi tra la conclusione di White Carrara Downtown e l’inizio del Festival Con-Vivere a settembre. Si comincia con “I Salotti d’Autore”, organizzati dal Comune in collaborazione con la Pro loco di Carrara. Per due settimane si svolgeranno una serie di incontri con gli autori di libri che verranno a presentare in piazza Battisti le loro ultime pubblicazioni. Ingresso libero e inizio incontri alle 21.

Il primo appuntamento il 10 giugno ha visto protagonista Giuseppe Benelli che ha presentato il libro di Carlo Caselli “Lunigiana ignota”. Si prosegue martedì 11 con Nicola Codega che interverrà per parlare del suo libro “Sempre in piedi”. A seguire mercoledì 12 Giulia Ciarapica con “Una volta è abbastanza”, il 13 giugno è la volta di Silvia Volpi “Alzati e corri direttora”. E ancora venerdì 14, Alessandro Zannoni con “La leggenda di Berenson”, sabato 15, Alice Basso “Un caso speciale per la ghostwriter”, mentre domenica 16 giugno in programma l’incontro con Francesco Sanna e Gabriele Bardazza che presentano “Il caso Moby Prince, la strage impunita”.

La seconda settimana de “I Salotti d’Autore” si aprirà lunedì 17 giugno con Fabio Evangelisti che parlerà del suo libro “I ragazzi dello stradone”, si va avanti martedì 18 con Simona Bertocchi e il suo “I pasticci di Leonardo”. Il 19 Salvatore Marchese presenta “Acciuga regina”, giovedì 20 in piazza Battisti ci sarà Agnese Innocente con “Il meraviglioso mago di Oz”, mentre il 21 Pierfrancesco Poggi con “La banda di tamburello”. Per l’ultima data in programma, sabato 22 giugno, un doppio appuntamento, alle ore 19.00, Chicco Evani presenta il suo “Non chiamatemi Bubu” e alle ore 21,00 Franco Forte con “Romolo il primo re”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Viareggio, la ferita di una città diventa uno spettacolo teatrale: “Così una battaglia civile è diventata condivisa da tutta la comunità”

prev
Articolo Successivo

Cinzia di Leo Ortolani, erano anni che non mi imbattevo in una storia d’amore così rivoluzionaria

next