La donna dell’Ottocento con quattro bambini. Quella degli anni Sessanta che cammina accompagnata da due figli, portando un cestino da picnic. Più in basso una ragazza in t shirt, per mano un solo ragazzino. Ancora più giù, in fondo al sentiero discendente, una donna con un gatto in braccio e altri due che giocano ai suoi piedi. Morale, sembra di capire, i guasti della modernità che mette in secondo piano la famiglia in favore di un individualismo che però sfocia nella solitudine. Simboleggiata, si direbbe, dallo stereotipo della “gattara”. Del tutto assenti, in ogni epoca, i padri. E’ la vignetta pubblicata da Radio Maria sulla propria pagina Facebook. Inizialmente era anche accompagnata dalla frase “Notate qualcosa di strano?“, poi cancellata e sostituita da una serie di emoticon.

Sotto più di 1.300 commenti, molti dei quali critici o ironici: dal “Talebani” a “vignetta bigotta e stupida”, passando per “2019 o 400?”. Ma anche frasi di apprezzamento: “Finalmente qualcuno ha il coraggio di aprire gli occhi (e la mente!) alla realtà disastrosa della società “moderna”…”, o “Questa vignetta descrive esattamente la realtà odierna della denatalità nel mondo occidentale, cosa che ci porterà in un abisso di solitudine e tristezza”. Su Twitter non si contano commenti e battute.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

All you need is pop 2019. Inizia oggi la festa di Radio Popolare. Concerti e incontri: dagli Stato Sociale a Lercio.it

prev
Articolo Successivo

Trattativa, il film su Rai 2. Freccero: “Siamo la rete più antimafia che c’è”

next