In occasione dell’evento di lancio del Nokia 2.2, il prossimo smartphone di HMD Global ad arrivare sul mercato, abbiamo incontrato Alberto Matrone, Vice President South Europe dell’azienda finlandese.

HMD dal suo arrivo sul mercato, come ci ha spiegato Matrone, è riuscita a raggiungere circa 300 milioni di utenti con i suoi dispositivi a marchio Nokia, includendo sia i feature phone (i cellulari “tradizionali”) che gli smartphone. Uno degli obiettivi di HMD Global è offrire su tutta la sua lineup di smartphone Android gli stessi standard per quanto riguarda gli aggiornamenti e la sicurezza utilizzando Android One su quasi tutti i modelli, anche quelli nelle fasce di prezzo più basse come il nuovo arrivato Nokia2.2,  garantendo così gli aggiornamenti di sicurezza mensili ed il supporto ad almeno due release successive del sistema operativo di Google.

Parlando di nuove release di Android, Q è attualmente in fase di beta sul Nokia 8.1, primo dispositivo della lineup di HMD che riceverà l’aggiornamento, ma l’azienda finlandese punta a portarlo successivamente in poco tempo anche sugli altri dispositivi, come già fatto con Pie oggi disponibile su 14 modelli.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nokia 2.2 è lo smartphone da 109 euro maneggevole e con il riconoscimento del volto

prev
Articolo Successivo

TransAID, l’Europa per la sicurezza del traffico di auto tradizionali, connesse e a guida autonoma

next