Disoccupazione giovanile in aumento ad aprile: il tasso dei senza lavoro nella fascia 15-24 anni è salito di 0,8 punti rispetto a marzo, restando comunque 1,6 punti sotto il valore toccato ad aprile 2018 e 12 punti inferiore al massimo raggiunto nel 2014. La disoccupazione generale invece resta stabile al 10,2 per cento. Quasi invariato anche il numero complessivo degli occupati, a 23,2 milioni: la lieve crescita sia dei dipendenti sia permanenti sia a termine (+11mila in entrambi i casi) è compensata da una diminuzione di 24mila di autonomi e liberi professionisti. Anche rispetto all’aprile 2018 sono cresciuti sia gli a termine (+50mila) sia i permanenti (+42mila), mentre si contano 36mila indipendenti in meno. Sono le ultime stime dell’Istat, contenute nei dati provvisori sul mercato del lavoro.

Tra i giovani il tasso di occupazione è del 18,3%, con un calo di 0,3 punti su marzo e un aumento di 0,6 punti su aprile 2018. Il tasso di occupazione generale resta invece invariato al 58,8%. La sostanziale stabilità dell’occupazione è sintesi di un calo tra i 15-34enni (-52mila) e un aumento nelle altre classi di età, concentrato prevalentemente tra gli ultracinquantenni (+46mila).

Su base annua, l’occupazione mostra una lieve crescita (+0,2%, pari a +56mila unità) e l’istituto di statistica registra segnali positivi per le donne, i 15-24enni (+39mila) e gli ultracinquantenni (+232mila), compensati da un calo per gli uomini e le fasce di età centrali. Al netto della componente demografica la variazione è positiva per tutte le classi di età. 

Le persone in cerca di occupazione sono in lieve aumento (+0,2%, pari a +5mila) e la crescita è dovuta alle donne e concentrata tra i 15-24enni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coi primi soldi del reddito di cittadinanza ho pagato bollette e fatto la spesa (pure i fusilloni)

next
Articolo Successivo

Disoccupazione, Italia terzultima in Europa. Peggio soltanto Spagna e Grecia. Nell’Ue tasso ai minimi dal 2000

next