La sicurezza dello smartphone passa sempre di più per il riconoscimento dell’impronta digitale o del viso del proprietario. Nonostante questo, il codice PIN è ancora attivo su milioni di prodotti e in molti casi è l’unica protezione di sicurezza attiva. Per questo preoccupa un dato pubblicato via Twitter dall’esperta di sicurezza del quotidiano Washington Post, che elenca i 20 codici PIN più comuni sugli smartphone, aggiungendo che sono validi per sbloccare il 26% dei telefonini.

Difficile dire se la sequenza più ovvia sia 0000, 1234 o 9999. Il fatto è che non serve risalire alla data di nascita del proprietario o dei suoi figli (che già sarebbe scontato) per accedere ai dati, bastano le 20 combinazioni più banali che si possano immaginare, riportate di seguito:

 

Ovviamente la giornalista esorta il pubblico a rimpiazzare immediatamente i suddetti codici con combinazioni più sicure, ossia meno ovvie. Del resto, l’operazione è piuttosto banale: basta usare le impostazioni di sicurezza disponibili su ogni smartphone. Con i prodotti Android basta selezionare la voce Sicurezza/Altre impostazioni di sicurezza, quindi “Configura PIN della scheda SIM” e “Modifica PIN della SIM”. Con iOS si parte sempre dalla voce Impostazioni, quindi si devono selezionare “Cellulare” e “PIN SIM”.

Il fatto che un quarto dei prodotti abbia PIN così semplici, tuttavia, indica che altrettanti utenti sottovalutano del tutto o quasi le minacce di sicurezza e le relative conseguenze. Per farsi un’idea, basti pensare che nella stragrande maggioranza dei casi chi sblocca lo smartphone può leggere mail e messaggi di qualsiasi chat violando la privacy del proprietario, fare acquisti online e altro, senza alcuno sforzo.

Foto: Depositphotos

 

Un codice a 4 cifre non è una barriera insormontabile, ma vale la pena fare almeno un tentativo per complicare la vita a chi dovesse cercare di accedere ai propri dati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Una tigre che passeggia in soggiorno, l’ultimo ritrovato della Realtà Aumentata di Google

prev
Articolo Successivo

Gli alberghi sono prestigiosi ma la sicurezza informatica lascia molto a desiderare

next