Dal 2010 (anno della rivolta di Tivoli gardens a Kingston) al 2017, che raggiunse il picco degli omicidi ordinari ed extragiudiziari, le città giamaicane – in proporzione al ridotto numero dei loro abitanti – si erano piazzate nella top list mondiale della violenza urbana, superando le metropoli brasiliane. Jcf (Jamaica Constabulary Force, la polizia) ha sterminato pressoché impunita per decenni circa 5mila persone, oltre un terzo risultate poi estranee ai fatti contestati. Adesso, il quadro è cambiato radicalmente: dal 2018 al 2019 diversi poliziotti-killer sono finiti dietro le sbarre.

Giamaica, finalmente un duro colpo per i killer in divisa

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stati Uniti, sparatoria in ufficio pubblico in Virginia: 13 vittime, ucciso l’attentatore

prev
Articolo Successivo

Brexit, Trump: “Londra mandi Farage a trattare con Bruxelles ed esca dall’Ue senza pagare”

next