Tredici morti e tre feriti. Questo il bilancio della sparatoria avvenuta venerdì pomeriggio dopo le 16 (le 22 in Italia) in un ufficio municipale di Virginia Beach, negli Stati Uniti. Un impiegato pubblico ha aperto il fuoco all’impazzata in un complesso di edifici governativi, prima di restare ucciso dagli agenti che cercavano di fermarlo. “Sembrava una scena di guerra”, ha raccontato in conferenza stampa il capo della polizia della città, James Cervera. L’uomo è entrato in uno degli edifici del complesso municipale di Virginia Beach e “ha iniziato a sparare indiscriminatamente su tutte le vittime”, ha spiegato. Una vittima è stata uccisa fuori, nel suo veicolo, mentre le altre sono state trovate su tutti e tre i piani dell’edificio.

Il killer era armato con una pistola calibro 45. “A causa del rumore degli spari, i quattro poliziotti che hanno risposto sono stati in grado di localizzare il punto in cui si stava consumando la strage e posso dirvi che è stata una lunga battaglia”, ha detto il capo della polizia. Le autorità non hanno diffuso il nome dell’uomo né le sue motivazioni, si sa solo che era un impiegato di vecchia data del dipartimento dei servizi pubblici. Tra i feriti c’è un ufficiale di polizia, che è stato salvato dal suo giubbotto antiproiettile. Tutti hanno dovuto sottoporsi a interventi chirurgici. L’edificio a Virginia Beach – una città di 450mila abitanti a circa 300 chilometri a Sud-Est di Washington – ospita gli uffici pubblici e i servizi della città.

“È il giorno più devastante nella storia di Virginia Beach”, ha detto ai giornalisti il sindaco Bobby Dyer. “Le persone coinvolte sono nostri amici, colleghi di lavoro”, ha detto Megan Banton, impiegata dei servizi pubblici. Banton ha raccontato ai microfoni della tv locale WVEC che durante il caos lei e circa 20 colleghi si sono nascosti in un ufficio utilizzando una scrivania per barricare la porta. Il presidente Donald Trump ha seguito minuto per minuto la situazione, ha riferito la Casa Bianca. Nonostante il numero delle stragi negli Stati Uniti, le leggi sulla proprietà delle armi sono blande e gli sforzi per affrontare la questione sul piano legislativo sono rimasti a lungo fermi a livello federale. Tra i democratici, la risposta alla sparatoria è stata particolarmente aspra. Il senatore Bernie Sanders ha criticato l’influenza della National Rifle Association. “I giorni dell’NRA che controlla il Congresso e scrive le nostre leggi sulle armi devono cessare. Il Congresso deve ascoltare il popolo americano e approvare la legislazione sulla sicurezza delle armi. Questa ondata di violenza deve finire”, ha scritto. Un “giorno orribile” anche per il governatore della Virginia Ralph Northam: “Il nostro cuore soffre per la violenza insensata che è stata inflitta alla comunità di Virginia Beach. Le mie più sentite condoglianze e preghiere vanno alle famiglie di coloro che sono usciti di casa questa mattina e non torneranno stasera”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corea del Nord, “Kim Jong-un giustizia ‘responsabili’ fallimento del summit di Hanoi con Usa: ucciso capo negoziatore”

next
Articolo Successivo

Giamaica, finalmente un duro colpo per i killer in divisa

next