Sony Xperia 1, lo smartphone top di gamma con schermo ispirato dalle TV Bravia, sarà in vendita in Italia a partire dall’11 giugno, ed è prenotabile presso diversi punti vendita sia fisici sia online. Fin dall’annuncio al al Mobile World Congress 2019 questo prodotto ha attirato l’attenzione per il suo schermo fuori dal comune: un modello OLED Ultra Wide 4K (1.644 x 3.840 pixel) da 6,5 pollici, con l’insolito rapporto di forma 21:9.

OLED è una tecnologia costruttiva dei display, apprezzata perché assicura angoli di visione molto ampi e neri assoluti. Ultra Wide invece identifica un formato molto allungato, appositamente progettato per valorizzare i contenuti multimediali. A questo proposito è importante anche la “Modalità Creator”, che consente di beneficiare della stessa scelta cromatica con cui sono stati realizzati i film.

La configurazione si basa sul processore Snapdragon 855 di Qualcomm affiancato da 6 GB di memoria RAM e da uno spazio di archiviazione di 128 GB. Il comparto fotografico invece conta tre fotocamere posteriori disposte a semaforo con tutti i sensori (di cui un teleobiettivo e un grandangolo) da 12 MP con autofocus.

Il prodotto è di fascia alta e in Italia il prezzo di listino è fissato a 949,90 euro, e alcuni venditori offrono in omaggio una micro-SD Sony da 64 Gigabyte, che torna utile per archiviare foto e video. Non appena sarà possibile condurre test approfonditi potremo verificare tutti gli aspetti tecnici e i vantaggi pratici delle novità presentate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bloodstained: Ritual of the Night, l’erede spirituale di Castlevania arriva sul mercato il 18 Giugno – la nostra anteprima

prev
Articolo Successivo

Un guanto a basso costo imbottito di sensori aiuterà a progettare protesi migliori

next