La modella brasiliana Alessandra Ambrosio ha conquistato tutti i flash dei fotografi sul red carpet della seconda serata del Festival di Cannes 2019. La 28enne top model, ex “angelo” di Victoria’s Secret, ha sfilato sulla croisette per la presentazione del film “Les miserables” e si è conquistata lo scettro di regina della serata grazie ad un abito in seta rosso fuoco dallo spacco vertiginoso firmato Julien Macdonald: complice qualche alito di vento, il vestito ha iniziato a svolazzare, lasciandola praticamente in mutande, con le gambe nude in bella vista. Il film “Les miserables” è ispirato agli scontri nelle banlieue parigine del 2005 ed è diretto da Ladj Ly.

Sul tappeto rosso del Festival hanno sfilato anche Nadine Leopold (che ha scelto un abito bianco) e Rocio Munoz Morales che ha scelto un scintillante abito nero per la sfilata. Replica lo spacco Melissa Satta che sceglie però un abito verde. Elegantissima invece l’ex première dame di Francia Carla Bruni che ha sfoggiato un raffinato tubino monospalla blu cobalto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Cannes 2019, Trump i populisti e la disparità di genere: le “sentenze” della giuria

next
Articolo Successivo

Cannes 2019, i retroscena e gli aneddoti del Festival svelati in un libro-diario del direttore artistico Thierry Frémaux

next