È rientrato l’allarme tsunami per Papua Nuova Guinea e Isole Salomone scattato nel pomeriggio di martedì, dopo che un terremoto di magnitudo 7.7 aveva fatto scattare l’allerta per la formazione di onde anomale nell’area del Pacifico vicino alle isole.

“Sulla base dei dati preliminari, pericolose onde di tsunami sono possibili lungo le coste entro i 1.000 chilometri dall’epicentro del sisma”, era stato scritto nel comunicato dal centro di monitoraggio Usa. L’allarme è scattato dopo il terremoto di magnitudo 7.7 registrato a 44 chilometri a nordest di Kokopo, in Papua Nuova Guinea, e rilevato dall’Istituto geologico degli Stati Uniti (Usgs).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Julian Assange, Svezia e Usa lo reclamano (per reati diversi). Ma la Brexit complica tutto

next
Articolo Successivo

Strasburgo, cinque fermati per l’attentato a mercatino Natale in cui morì Megalizzi. Arresti dopo verifiche su armi del killer

next