È rientrato l’allarme tsunami per Papua Nuova Guinea e Isole Salomone scattato nel pomeriggio di martedì, dopo che un terremoto di magnitudo 7.7 aveva fatto scattare l’allerta per la formazione di onde anomale nell’area del Pacifico vicino alle isole.

“Sulla base dei dati preliminari, pericolose onde di tsunami sono possibili lungo le coste entro i 1.000 chilometri dall’epicentro del sisma”, era stato scritto nel comunicato dal centro di monitoraggio Usa. L’allarme è scattato dopo il terremoto di magnitudo 7.7 registrato a 44 chilometri a nordest di Kokopo, in Papua Nuova Guinea, e rilevato dall’Istituto geologico degli Stati Uniti (Usgs).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Julian Assange, Svezia e Usa lo reclamano (per reati diversi). Ma la Brexit complica tutto

prev
Articolo Successivo

Strasburgo, cinque fermati per l’attentato a mercatino Natale in cui morì Megalizzi. Arresti dopo verifiche su armi del killer

next