Accanto a Bettino Craxi e con suo figlio Bobo, ma pure insieme alle ragazze del Drive In e al Bandiera Gialla nelle notti sfrenate della movida romagnola. Gianni De Michelis, morto l’11 maggio a 78 anni dopo una lunga malattia, è stato un simbolo della politica italiana nella Prima Repubblica e anche della Milano da bere degli Anni Ottanta. Ministro degli Esteri e delle Partecipazioni statali fece parte di diversi governi tra il 1980 e il 1992. Fu lui ad annunciare la chiusura dell’altoforno di Bagnoli, primo passo della crisi del siderurgico campano, e la firma del trattato di Maastricht. La sua vita politica racchiusa in 15 scatti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lega, Di Maio: “Telefonate per tornare con Berlusconi? Siano coerenti con il contratto”. E rilancia sul conflitto d’interessi

prev
Articolo Successivo

Dl Sicurezza-bis, Di Maio: ‘Deluso, non c’è nulla sui rimpatri. Serve per coprire caso Siri’. Salvini: ‘In Cdm settimana prossima’

next