Grazie Meghan, per aver mostrato al mondo com’è fatta una mamma a tre giorni dal parto, seppur strafiga e pure duchessa. La pancia ancora pronunciata, il viso gonfio ma bellissimo, gli occhi dolci e stanchi di chi ha sofferto e insieme gioito come mai prima d’ora, avvolta in un bianco candido, il colore della purezza.

Meghan una di noi!

Dieci punti anche all’emozionatissimo papà Harry, che tiene con tenera inesperienza quel fagottino tra le braccia e quasi commosso tenta di rispondere alle domande dei giornalisti. Oggi, questi due neo genitori, impacciati e felici mi sono sembrati “reali” più che mai, lontani dalla compostezza di William e Kate e per questo sì, più simpatici. Per la verità, il ribelle Harry mi è sempre andato molto più a genio del suo ingessato fratellone, sin dai tempi delle canne e delle notti brave in cui stramazzava al suolo ubriaco.

A vederlo così, super emozionato e sorridente mi verrebbe da dargli una bella pacca sulla spalla, come si fa con gli amici di lungo corso e dirgli che è fortunato, non solo perché ha sposato una strafiga che continua ad essere strafiga con la pancia e la faccia gonfia, ma perché più che una royal family, la sua nuova famiglia ha tutta l’aria di essere una “real family”.

Finalmente.

Auguri ragazzi!

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cattelan prepara pasta col tonno e la condisce così: l’imperdibile reazione di chef Locatelli

next