Quattro storie di vita di persone obese disegnate sui loro corpi. S’intitola Beyond the body – The Exhibition, la mostra fotografica temporanea (7-9 maggio 2019) nata per sensibilizzare il pubblico sul tema dell’obesità e accompagnare l’inizio della quarta stagione de La clinica per rinascere – Obesity Center Caserta dal 6 maggio su Real Time. Firmata dal duo di fotografi internazionali Winkler+Noha, la mostra che si potrà vedere in Forma Meravigli, in via Meravigli 5 a Milano, vede poi le opere di importanti artisti italiani contemporanei (l’illustratrice Elisa Macellari, lo street artist Millo, la tatuatrice Amanda Toy e il calligrafo Nicolò Visioli) compiute su schiene, braccia e petto di quattro persone obese.

Il pugliese Millo ha disegnato sul corpo di Antonio, uno dei quattro “modelli” della mostra, e anche uno dei quattro pazienti tra i nove che saranno protagonisti del programma tv di Real Time, l’uomo stesso mentre mangia voracemente del cibo da un’enorme roulette con alle spalle un frigorifero aperto. La Toy, una grande professionista dei tatuaggi, si è occupata di Emanuele, un signore che ha iniziato a mangiare in modo smodato per il nervosismo dovuto alle difficoltà della sua attività lavorativa e alla separazione dalla moglie e dai suoi figli. Il calligrafo e lettering Visioli si è occupato della storia di Roberta che a causa della sua già robusta corporatura ha subito atti di bullismo da parte dei compagni di scuola, tanto che da quando ha 17 anni ha deciso di abbandonare gli studi consolandosi con il cibo. Infine la Macellari ha disegnato sul corpo di Nora: una ragazza sconvolta dalla morte del padre e rimasta sola in una casa enorme con l’unico obiettivo di sopravvivere mangiando in continuazione. Obesity Center Caserta andrà in onda da lunedì 6 maggio sul canale 31 di Real Time.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gino Paoli svela il retroscena de “Il cielo in una stanza”: “Racconta l’orgasmo con una pu****a di cui mi ero innamorato”

next
Articolo Successivo

Vittorio Feltri: “Greta Thunberg? Racchia, saccente e porta pure sfiga”

next