Tracce di cocaina e ketamina sono state trovate nei gamberetti selvatici delle contea del Suffolk in Gran Bretagna. A scoprire questi gamberetti “drogati” sono stati gli scienziati del King’s College di Londra in collaborazione con l’Università del Suffolk, in un studio pubblicato su “Environment International“. Gli scienziati hanno prelevato campioni di gamberetti in 15 punti diversi di questa contea rurale nella parte orientale del Regno Unito poi sottoposti ad analisi. “La cocaina è stata trovata in tutti i campioni controllati ma è emersa anche la presenza di farmaci come la ketamina e di pesticidi”, ha spiegato Thomas Miller, autore principale dello studio al The Guardian.

Secondo i ricercatori la causa di questo fenomeno è la contaminazione di fiumi e laghi con scarichi inquinati da pesticidi e liquami urbani. Ma – avverte la ricerca – servono ulteriori studi “per capire se possa esserci un rischio per la salute” quando vengono consumati questi gamberetti “drogati”, visto che la concentrazione di queste sostanze è molto bassa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Channing Tatum perde una scommessa e pubblica una foto nudo sotto la doccia

next
Articolo Successivo

Il caso “matrimonio di Pamela Prati” e l’accento svedese

next