In attesa che sulla Terra, nel 2023, ritorni la sonda che ha agganciato l’asteroide Bennu per prelevare campioni, c’è un altro asteroide che ha catturato l’attenzione degli scienziati. All’interno di questo meteorite sono state osservate le ceneri di una stella morente che raccontano l’origine del Sistema Solare. Contengono i mattoni che hanno contribuito a formare il nostro sistema planetario, circa 5 miliardi di anni fa. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Astronomy dal gruppo dell’Università americana dell’Arizona, coordinato da Pierre Haenecour.

In particolare gli astronomi hanno studiato un sistema binario in cui una nana bianca, una stella compatta piccola come la Terra ma con una massa superiore al Sole, grazie alla sua attrazione gravitazionale sottrae materiale a una compagna. Con il materiale “rubato” la stella si accresce, fino al punto di esplodere e diffondere nel cosmo i semi per la nascita di nuovi sistemi planetari.

I ricercatori, grazie a sofisticate tecniche di microscopia, hanno trovato questi semi all’interno di un meteorite risalente alle origini del Sistema Solare. “Queste polveri di stelle, a differenza di altri meteoriti, sono fatte di grafite con silicati ricchi di ossigeno”, ha spiegato Haenecour. “Si tratta di particolari caratteristiche che ci offrono un’istantanea delle condizioni in cui si trovava la stella quando è esplosa, prima della nascita del Sistema Solare“, ha concluso. Secondo gli studiosi, il meteorite analizzato è proprio simile all’asteroide Bennu, raggiunto dalla missione Osiris-Rex della Nasa all’inizio di dicembre del 2018, con l’obiettivo di raccogliere campioni da riportare a Terra nel 2023.

L’abstract su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Farmaci: la concorrenza è spietata, lo Stato non interviene e i medici ne approfittano. Che tristezza

prev
Articolo Successivo

Scoperta una nuova forma di demenza “simile” all’Alzheimer

next