Grazie ai siciliani, perché mi hanno regalato, ci hanno regalato e si sono regalati un’emozione, una voglia di cambiamento, una scelta di coraggio. Solo parlare di una scelta del genere due o tre anni fa sarebbe stata fantascienza. Quindi, vuol dire che quello che stiamo facendo al governo piace da nord a sud“. Così, ai microfoni di “Non stop news”, su Rtl 102.5, il ministro dell’Interno Matteo Salvini commenta i risultati delle elezioni amministrative in Sicilia.

E si esprime anche sulle elezioni spagnole: “Coloro coi quali stiamo ragionando come Lega sono quelli di Vox, che molti definiscono estrema destra, perché questa è l’etichetta scelta dal politicamente corretto. Io invece penso che superino i valori di destra e di sinistra. Entrano per la prima volta in parlamento con 24 deputati. E hanno un’idea diversa di immigrazione, del lavoro, di Europa, dell’ambiente. È un bel voto di cambiamento anche quello spagnolo”.

Stoccata al M5s sulle autonomie regionali: “È oggi che l’Italia è divisa, perchè non ci sono gli stessi servizi per tutti. Oggi in Italia c’e’ una sanità di serie A e una di serie B, il sistema centralizzato non funziona. Dare competenze e poteri ai territori potrebbe migliorare la situazione. Se poi i 5 stelle hanno cambiato idea rispetto a quello che hanno sostenuto lo spieghino agli italiani“.

Inevitabile la menzione del caso Siri, sul quale il vicepresidente del Consiglio è critico nei confronti dei media: “I processi si fanno nei tribunali, non sui giornali, né nelle aule del Parlamento. Figurati se la lotta alla mafia non è in cima alle mie priorità, insieme alla lotta all’immigrazione clandestina. Quindi, non rispondo, perché non faccio il giudice, né l’avvocato. Dico solo che non è da Paese civile ci siano fatti sui giornali che non sono a conoscenza degli indagati e degli avvocati. Vi sembra normale? Dio non voglia, ma è come se uno venisse indagato e lo venisse a sapere a Rtl bevendo il caffè, perché lui non sa nulla, l’avvocato non sa nulla, ma c’è scritto sul giornale”.
“E’ una storia vecchissima, ci riporta dietro a Mani Pulite“, commenta uno dei conduttori, Fulvio Giuliani.

Salvini, infine, assicura: “Io intendo lavorare per 4 anni, non ho alcuna voglia di far saltare tutto perché Tizio o Caio mi insultano e mi minacciano. Lavoriamo sui dossier per contrastare le truffe agli anziani, la riforma della scuola, la riforma fiscale. Ricordo anche il mio impegno a ridurre le accise sulla benzina, a partire dalla eliminazione di quelle più vecchie che risalgono a 40-50 anni fa. Quindi, figurati se ho voglia di far saltare tutto. Io ho la testa dura e non rispondo alle provocazioni quasi quotidiane”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Siri, Di Maio: “Auto sospensione? Non prendiamoci in giro, non esiste. Se sarà innocente torna al suo posto”

next