Instagram ha sospeso il profilo di Alessandra Mussolini perché ha pubblicato alcune foto sulla tomba della sua famiglia. A denunciarlo su Facebook è la stessa nipote del duce Benito Mussolini. “Mi è stata notificata la disabilitazione del profilo #Instagram dopo la pubblicazione delle fotografie fatte sulla tomba della mia famiglia #Mussolini – ha scritto l’europarlamentare -. Questa vera e propria discriminazione offende non tanto sul piano politico (in un momento importante della campagna elettorale mi viene impedito l’utilizzo dei social), ma soprattutto dal punto di vista personale. Evidentemente, questo è il grado di democrazia e di libertà che viene garantita alle persone perbene: quelle che insultano, minacciano, inveiscono ogni giorno coperte dall’anonimato vengono invece coperte e tutelate. Ovviamente non mi fermeranno né ora né mai!”.

La stessa sorte è toccata anche al cugino Caio Giulio Cesare Mussolini, secondogenito del figlio del Duce, che è stato bloccato invece da Facebook per aver pubblicato un post in ricordo del nonno nel giorno dell’anniversario della morte di Mussolini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Simone Zaza, due ragazze gli rubano in casa dopo una notte di sesso: lui si infuria ma è tutto uno scherzo de Le Iene

prev
Articolo Successivo

Asia Argento: “Vado in tv a raccontare i ca**i miei per mantenere i miei due figli”

next