Un bacio saffico all’improvviso ha spiazzato il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo il comizio elettorale per le amministrative a Caltanissetta, in Sicilia. Avvicinato per un selfie da due ragazze, Gaia e Matilde, al momento della posa del vicepremier, le due giovani si sono baciate. Il loro gesto è diventato subito virale ma loro spiegano che è stato “quasi istintivo, un’idea che ci è venuta mentre partecipavamo alla protesta con gli attivisti del Circolo Arci Aut”, ha raccontato Gaia a Fanpage.it .”Non siamo una coppia, siamo solo amiche. Ma entrambe volevamo lasciare un segno, per ribellarci alle politiche omofobe che questo governo ha dimostrato di supportare, non più tardi di un mese fa, al Congresso di Verona“, ha aggiunto Gaia.

Gaia e Matilde vivono e studiano a Torino, rispettivamente design e comunicazione visiva e ingegneria, riferisce Fanpage.it . Si sono date appuntamento con i loro amici del Circolo Arci e della Rete degli Studenti Medi Caltenissetta, per far sentire la loro voce al comizio che Salvini ha tenuto per il 25 aprile: “Eravamo più di 100 attivisti ad esprimere il nostro dissenso. Durante l’intervento di Salvini sono partiti i fischi, avevamo anche uno striscione, che recitava ‘La mafia e il fascismo di combattono ogni giorno’ò, e che si riferiva appunto alla sua scelta di non celebrare il 25 aprile e la festa della Liberazione”, ha detto Gaia.

“L’idea di fare un’azione eclatante ci è venuta nel momento stesso in cui il ministro ha esortato le persone presenti a farsi un selfie con lui”, ha proseguito Gaia. Dopo lo scatto, “Salvini non si è smentito”, ha raccontato Gaia. “Ci ha detto ‘auguri e figli maschi’, e ha dato un colpetto in testa a Matilde. Poi gli uomini della scorta ci hanno separate bruscamente, ci siamo subito sentite censurate”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giancarlo Magalli annuncia la fine della storia d’amore con la 22enne Giada Fusaro: “All’ennesima videochiamata notturna ho detto basta”

prev
Articolo Successivo

Meghan Markle e il royal baby, i social l’attaccano: “È la gravidanza più lunga della storia”

next