Una parte importante del traffico web registrato a livello mondiale nel 2018 è stata generata da bot (abbreviazione di robot). Non si tratta di robot “fisici”, ma di programmi che accedono alla rete mediante gli stessi canali utilizzati dagli utenti umani, ad esempio per inviare messaggi in chat. Questi bot hanno fatto da soli il 37,8% del traffico Web mondiale dello scorso anno.

È un bene o un male? Dipende se si tratta di bot benigni o maligni. I primi sono, ad esempio, i risponditori automatici nelle chat; quelli maligni vengono impiegati per propaganda politica illegale o per diffondere virus. Le notizie al riguardo sono buone, perché i bot maligni rilevati superavano di poco il 2%: sulla cifra totale hanno generato il 20% del traffico.

I dati emergono dalla relazione Bad Bot Report di Distil Networks, e indicano in linea generale un calo rispetto agli anni precedenti. Benché le percentuali prese da sole stupiscano, infatti, il traffico generato dai programmi di automazione hanno infatti visto un decremento rispettivamente del 14,4% per i Bot non dannosi e del 7,5% per quelli maligni. Nello stesso periodo il traffico umano è aumentato del 7,5%, raggiungendo quota 62,1% del traffico totale.

Immagine: Depositphotos

 

Per quanto riguarda la provenienza geografica dei bot maligni, la maggior parte (53,4%) arriva dagli Stati Uniti. A differenza del passato, poi, l’obiettivo principale dei bot maligni è l’industria del ticketing. Nella relazione si legge infatti che il 39,3% del traffico diretto verso i siti Web di questo settore proverrebbe da bot maligni, mentre il 24,1% addirittura da bot maligni particolarmente sofisticati. Morale: occhio all’acquisto online di biglietti per concerti, eventi e simili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scranos è il nuovo virus che ruba le password e “fa clic” su YouTube

prev
Articolo Successivo

Guida autonoma in Europa, il progetto Adaptive definisce le linee guida

next