È stata trovata morta il giorno di Pasqua nella sua casa alla Giudecca, a Venezia, Eleonora Rioda, wedding planner che ha organizzato i matrimoni di Tom Cruise, angelina Jolie, Steven Spielberg e Robert De Niro, solo per citare alcuni vip che si erano rivolti a lei. Aveva 37 anni e in quell’isola ci era cresciuta e continuava a tornarvi nonostante il lavoro la portasse spesso in giro per l’Italia e all’estero. Quando i sanitari del 118 sono arrivati sul posto per lei non c’era più nulla da fare e non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. È giallo sulle cause della sua morte: come riporta Fanpage, secondo alcuni conoscenti la giovane e famosa imprenditrice aveva avuto di recente qualche problema di salute ma tra le ipotesi al vaglio c’è anche quella del suicidio, anche se al momento non è stato trovato nessun indizio a sostegno di questa pista.

Eleonora Rioda aveva creato “Venice First“, una delle prime agenzie in Laguna ad occuparsi di eventi di lusso: con il tempo la sua attività è cresciuta e lei ha iniziato a essere molto richiesta dalle star di Hollywood. Molti sono infatti vip che si sono affidati a lei per il giorno delle nozze: da Denzel Washington e Angelina Jolie, a Tom Hanks, Robert De Niro, Steven Spielberg, Will Smith e Ben Stiller. Ma proprio a Venezia organizzò anche il matrimonio dell’ex giocatore della Juventus Alvaro Morata con la modella Alice Campello. Sempre secondo quanto riferisce Fanpage, nelle ultime settimane prima di morire la Rioda era alle prese con i preparativi per la Biennale Arte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elia Pietschmann, l’attore toscano è morto a 29 anni: è volato giù da un cavalcavia con la sua moto

next
Articolo Successivo

Marcello Lippi: “Il sesso prima delle partite? È un tabù. Ce lo facevano fare solo una volta alla settimana”

next