Era un volto noto e molto amato delle tv locali romane. Massimo Marino è morto a 59 anni dopo una lunga malattia. E’ stata la compagna Miria ad annunciare la scomparsa del conduttore di “ViviRoma” con un post su Facebook: “Un’anima meravigliosa ci ha lasciato. Dopo una battaglia senza tregua, affrontata da vero guerriero, Massimo Marino ha abbandonato questa vita terrena. Il suo spirito ora è finalmente in pace. Rimane un vuoto incolmabile per me, per la famiglia e per tutti quelli che lo hanno amato, ma so che avrebbe voluto un epilogo leggero come nel suo stile di persona solare e positiva e quindi mi sento di chiudere con uno dei suoi slogan più conosciuti: bella fratè, enjoy”. Massimo viveva la notte dei locali delle periferie e accompagnato da un “circo” di personaggi trash, raccontava tutto allo spettatore nel suo programma ViviRoma.

Queste le parole scritte dalla sua compagna: moltissimi i commenti di cordoglio e le parole di affetto per Marino. Autore di molti tormentoni (come “a frappe’, detto prima della pubblicità), Marino, oltre alla tv, aveva tentato anche di percorrere una via nella politica candidandosi alle elezioni regionali e comunali e sostenendo Rutelli e Veltroni. Massimo Marino ha preso parte ad alcuni film, compreso Grande Grosso e Verdone. E proprio Carlo Verdone gli ha dedicato un post su Facebook: “Massimo Marino resterà per me non solo un amico affettuoso e premuroso ma anche una vera maschera di una Roma di oggi. Di una periferia sana, creativa, dove esistono ancora, grazie ad alcuni, il rispetto, la generosità, l’ironia e sani principi – si legge nel post – … L’ animo di Massimo era l’ esatto contrario di quello che poteva sembrare nel suo modo di presentarsi. Era un buono, un gentile, un rispettoso. Un audace pedinatore della Roma notturna che con inconsapevole comicità, ci mostrava gli eccessi e la trasgressione di personaggi, luoghi e zone a molti sconosciuti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aldo Grasso: “I maligni sostengono che Ilaria D’Amico prima aveva un bravo giornalista nell’auricolare che le suggeriva. Sarà vero?”

prev
Articolo Successivo

Grande Fratello 2019, Cristiano De André alle figlie: “Basta svendersi nei salotti tv. Dimostrino di avere capacità reali”

next