Sono sempre di più i genitori che usano YouTube come baby sitter. Secondo un sondaggio pubblicato a novembre 2018 dal Pew Research Center, negli Stati Uniti l’81% dei genitori con figli di 11 anni permette loro di guardare YouTube; il 34% afferma che i loro bambini lo guardano regolarmente. Quanto sono sicuri per i bambini i canali YouTube? Una possibile risposta emerge da un’inchiesta del quotidiano The Wall Street Journal, ed è tutt’altro che confortante.

Tralasciando la parte di analisi che riguarda canali popolari solo Oltreoceano, il WSJ evidenzia un fatto comune in tutto il mondo: è quasi impossibile capire chi c’è dietro ai video di YouTube. Google non richiede ai fornitori di contenuti di identificarsi; praticamente chiunque può caricare video, indipendentemente dalle sue competenze o motivazioni. La questione negli USA ha creato molte polemiche in passato, ad esempio quando emerse che un famoso canale di unboxing (“spacchettamento” di giocattoli) era gestito da un’ex pornostar.

YouTube ufficialmente replica che, proprio per tutelare i bambini ed evitare di esporli a contenuti inappropriati, nel 2015 ha creato l’app YouTube Kids. “Proteggere i bambini e le famiglie è una priorità per noi” ricorda l’azienda, che sconsiglia di far accede i bambini alla piattaforma principale di YouTube. YouTube Kids è effettivamente uno strumento che consente ai genitori un buon controllo dei contenuti visualizzabili e il monitoraggio delle attività del bambino. Però tanti genitori non lo usano. Secondo gli esperti di sicurezza, la maggior parte dei bambini fruisce in via preferenziale i video della piattaforma principale, che non è tutelata.

I problemi non finiscono qui, perché YouTube tende a premiare i canali i cui video aumentano il “tempo di visualizzazione”, non quelli con maggiore contenuto istruttivo. Inoltre, l’utente è incoraggiato, alla fine di ogni video, a cliccare gli altri video che secondo l’algoritmo sono attinenti. Il risultato è che un bambino è incentivato a trascorrere ore davanti ai video.

Come gestire la situazione? Prima di tutto circoscrivendo l’uso di questo strumento, che di fatto non è una baby sitter. In secondo luogo, come consigliano gli esperti interrogati dal quotidiano statunitense, “dialogando” con la tecnologia più e in modalità migliore di come fanno i figli. Significa usare tutti gli strumenti di controllo a disposizione per assicurare ai propri bambini una navigazione sicura. Inoltre, quando il bambino ha finito di fruire dei contenuti web, andare a controllare che cos’ha visto, ed eventualmente discutere con lui dei contenuti. A pensarci bene, è un po’ come quando si va a prenderli a scuola e si chiede “Com’è andata? Cos’avete fatto? È stato interessante?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xbox One S All-Digital disponibile dal 7 maggio a 229,99 euro

prev
Articolo Successivo

Yamaha aggiunge i comandi vocali a suoi dispositivi audio con un aggiornamento software

next