A che Tempo Che Fa su Rai1 Gino Paoli racconta a Fabio Fazio la storia di una delle sue canzoni più belle “Il Cielo in una stanza”: “I commenti sulla canzone erano: questa non è una canzone, è meglio che cambi mestiere…Poi arrivò Mina e disse: la faccio!” E aggiunge quello che gli raccontò l’arrangiatore della canzone: “Mina ha finito di cantare e si è messa a piangere i musicisti si sono tutti alzati in piedi e han cominciato a battere sugli strumenti…”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gino Paoli a Che tempo che fa: “Nella vita ho bevuto, fumato e mangiato ogni genere di cosa… è solo questione di culo”

prev
Articolo Successivo

Mimmo Locasciulli, cantautore di razza in un tempo fatto di Cenere

next